Ho paura

Considerato che lunedì ho un esame di tedesco (che determinerà il mio futuro prossimissimo motivo per cui, se fallirò, dovrò dare in pasto la mia anima all`inferno e continuare a vivere un`esistenza placida che non si addice ad una 23enne sexy e carismatica come poteva essere Emma Watson 5 anni fa ma che su di me a quanto pare calza a pennello) pensavo di scrivere un articolo su come gestire l`ansia da esame.

Una sciagura ancora più grande e nefasta però mi ha fatto desistere dall`intento. L`ansia da esame è stata infatti sostituita dalla più tragica, angosciosa, non adatta alla mia veneranda età: ansia dallo stare a casa da sola, sottotitolo la sera (specifico la sera perché con la luce solare stare da sola mi commuove dalla felicità).

Facciamo un passo indietro.

Quando ancora credevo che l`ospizio in verità si dicesse lo spizio e che Mucciaccia disegnasse davvero, mi è stata narrata la leggenda de “uomo morto sulla tazza in seguito a morso letale di serpente uscito dalle tubature”. La prima reazione è stata chiaramente sgomento scientifico. Mi era chiaro, infatti, che il serpente a contatto con pipì e cacca non avrebbe avuto scampo. Dal quel giorno, però, qualcosa è cambiato in me e ho cominciato a titolo preventivo a fare barriere di cartaigienica ogni volta che andavo in bagno (con conseguente otturazione di bagni e spese spaziali di cartaigienica). È da li che ho cominciato ad avere il dubbio che quando la maestra diceva che ero una bambina intelligente forse era più un gesto di cortesia…un po` come quando il ragazzo che ti piace ti dice che sei simpatica.

La scalata verso la demenza parte da questo episodio e, un po`come la miopia, sembra aggravarsi sempre di più. Siamo a Natale di un anno imprecisato dove però già i miei 62 parenti, compresi amici di amici, cugini di tot grado e parrucchieri di fiducia, possedevano uno smartphone e proprio in occasione delle riunioni di famiglia si dilettavano nel condividere con i consanguinei le cose che di questa nuova tecnologia più li aveva colpiti.

Quell`anno lì il video di turno non era come al solito uno random tra vecchi che scivolano sul ghiaccio o gattini che vanno sullo skateboard ma quello di una bambina che si guarda allo specchio e che lascia dietro di sè il suo riflesso demoniaco. Dalla sera stessa fino ad oggi quando sono a casa da sola e devo lavarmi la faccia non chiudo gli occhi. Ammetto che all`inizio fosse un poco doloroso, poi credo che per istinto di sopravvivenza la mia retina si sia ispessita quel poco che basta per permettermi di gettarmi litrate di acqua direttamente sui bulbi oculari senza fiatare.

Poi c`è stata la volta in cui mi è stato fatto lo scherzone del film horror a sorpresa. O quando ho deciso di guardare il trailer di IT (Eh si un trailer non fa paura..ma io ho paura ok?). Il fidanzatino che credeva nelle presenze aliene/demoniache. Amici su facebook che condividono le foto storiche photoshoppate inquietanti, che uno dovrebbe farsi due risate e invece mi fanno venire i brividini. Le bambine che escono dai pozzi. Le bottiglie d`acqua che scoppiettano. Oggetti che hai messo in bilico due settimane fa ma decidono di cadere proprio nell`instante in cui sei riuscito ad autoconvincerti che sei un adulto responsabile e coraggioso. Acque dello scarico che dopo essere state tirate ti fanno fare record da centometristi. L`impossibilità di scattare foto la sera che poi c´è qualcuno alle tue spalle e ci rimani male. Non dire bloody Mary tre volte davanti allo specchio che magari è una bufala magari no.

Fatto sta che ci sono più luci accese qui che in un Lunapark e che (scusate ambientalisti rancorosi) nessuno ha intenzione di spegnere.

p.s: Tra l`altro ho appena sentito un rumore infernale provenire dalla cucina e credo di essermi appena fatta Sarajevo nelle mutande

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: