5 passi per gestire la rabbia senza spargimenti di sangue. Guida breve ma intensa.

Ciao amico iracondo! Anche tu stai bruciando di rabbia in questo preciso istante? Hai voglia di scagliare gatto, cane e nonna fuori dal balcone? Di darti alla piromania? Di comparire nelle notizie a GIF della Gazzetta del Profeta?

Ferma subito quelle mani piene di ira e segui i miei pratici e utili consigli!

Chi sono io per dare pratici e utili consigli? Well…

Piacere, mi chiamo Morgana e sono laureata nelle illuminanti scienze del turismo, branca paragonabile solo all`università della strada. Da sempre la mia rabbia mi ha portata a raptus incontrollabili che spesso sono sfociati in aggressioni verbali che ho poi pagato a prezzo medio-alto, in smantellamenti di librerie con righello usato a mo`di accetta con conseguente derisione da parte di amici e parenti( e con l`acquisto sia di un nuovo righello che di una nuova libreria), nel lancio di oggetti più o meno preziosi con impossibilità di ritrovamento di quest`ultimi e, ancora, in ricerche online (chiaramente rintracciabili dalla C.I.A) su come gestire la rabbia per non finire in galera a passo di danza. Non ti ho ancora convinto, rabbioso amico? Allora sappi che in questo preciso istante se non fossi qui a dare consigli a te, affezionato compagno, probabilmente starei prendendo a testate lo stipite della porta o forse starei cercando proprio il tuo indirizzo di casa per venirti a prendere di persona e spezzarti tutte le ossa.

Quindiii…..i 5 passi per gestire la rabbia senza spargimenti di sangue. Guida breve ma intensa:

  • Dimenticare temporaneamente di possedere oggetti contundenti. Dimenticare anche che una bottiglia, se spaccata a dovere, potrebbe trasformarti in uno di questi. Non dimenticare il prezzo del dispositivo tecnologico che hai davanti agli occhi.
  • Usare turpiloquio. Se sei una signorina farne uso urlando. Meglio se in prossimità di personalità terze. Perché no, anche cantando.
  • Ascoltare hit spagnola dell`estate. Chiedersi come sia possibile pagare l`affitto cantando “un dos tres calypso”. Ancheggiare seguendo il ritmo. Dimenticare gradualmente di voler uccidere.
  • Fare una passeggiata alla ricerca di qualche rappresentante di associazione no profit a cui urlare tutta la tua rabbia in faccia sotto forma di protesta contro il governo ladro, il capitalismo, il sistema, la fame nel mondo.
  • Cercare disperatamente un quinto punto per questa guida pratica e utile. Manco a dirlo non trovarlo. Procedere con lo spargimento di sangue.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: