Lezioni di seduzione

Entro nel supermercato e mi avvio a passo di danza nella sezione carrelli che, essendo un mercato 2×2, si trova vicino alla cassa. Tutto questo per dire che proprio mentre mi avvicino al carrello mi accorgo con la coda dell`occhio che il cassiere mi sta guardando. Umilmente penso che le sue attenzioni sia dovute al semplice fatto che oggi sono fabulous. Assumo quindi un`espressione sognante (quella di Bella Swan in tutti e 50 twilight) e lascio che lo sventurato continui ad ardere di desiderio. Dato che per trovare la fatidica moneta del carrello ci metto 4 ore e nel frattempo persino un anziano mi prende a spallate per farsi spazio, la scena è piuttosto lunga. Comunque lui non sembra demordere e io continuo quasi sicuramente ad emanare il mio fascino da femme fatale. Finalmente, dopo la centocinquantesima forcina ripescata a caso, una vecchia carta di identità persa e un calzino, dalla mia immensa pochette trovo la moneta e la infilo fiera nel carrello.

Ecco, solitamente infilare la moneta dovrebbe far scattare quella magia(?) per cui il carrello si stacca dai suoi fratelli parcheggiati. Il mio, però, decide di non muoversi come neanche la mia amata moneta da ben 2 EURO (il pensiero di mollare tutto e prendere il cestino ovviamente non mi sfiora neanche per mezzo petaloso secondo). Fatto sta che vedo il giovine alla cassa alzarsi per venire ad “aiutarmi”. Ah bella scusa eh per catturare la mia attenzione, illuso.

Eh niente lui si avvicina con aria omicida: “Sono due ore che cerco di dirle che il carrello è difettoso e che deve prendere l`altro” poi recupera il mio tesoro e torna alla cassa dove, nel frattempo, si è creata una coda paragonabile solo a quella davanti al bagno delle donne in discoteca.

Carrello benvenuto nella tua cassetta.

Rispondi

WordPress.com.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: